venerdì 1 novembre 2013

La lunghissima notte di Portospada di Paolo Valentino (Lupo editore)

La pacifica esistenza di Portospada, situata nell’Arcipelago dei Quattro Giorni, viene scossa da un evento inquietante: le ore di luce man mano diminuiscono finché la popolazione rischia di precipitare nel buio assoluto. È il Supremo Maestro di Stregoneria Ignazio Quantici a scoprire che il fenomeno ha a che fare con un’antica maledizione di cui neppure lui immagina la portata.: Nero de la Loah, il sanguinario pirata che per cinquant’anni è stato costretto all’esilio al largo di Portospada, ha infatti trovato nella strega Jais una potente alleata e si prepara a tornare da dittatore.
Ci vorrà il coraggio di tutti – compresi i tanti gatti che popolano le strade e i vicoli della città – per scongiurare la catastrofe. Il fioraio Giglio, la gattara Vanessa, la vecchia ereditiera Florabella, il celebre cartografo Giacomo Ognimondo e l’anziano ex pirata Flink il Monco, assetato di un ultimo soffio di avventura, sono i protagonisti del riscatto. Accanto a loro Biagio del Mare, all’epoca giovanissimo giornalista del “Bollettino di Portospada” con l’ambizione di diventare il più grande scrittore di ogni epoca e luogo.
Ed è proprio Biagio, anni e anni dopo, ormai ottuagenario, a raccontare, con la sua penna sempre ironica e irriverente, la storia della sua città e degli abitanti dell’Arcipelago perché non se ne perda la memoria.

Un’epopea fantastica dove l’avventura si traduce in lezione di vita: mai cadere nella tentazione dell’oblio, mai perdere il ricordo delle vittime e con esso la capacità di reagire per tempo ai segnali che minacciano la pace.

Nessun commento:

Posta un commento